Il Tribunale di Foggia, con provvedimento datato 14.11.2017

https://www.facebook.com/DirittoFamiglia/photos/pcb.1077683515707920/1077683482374590/?type=3&theater

ritorna sulla relazione tra convivenza more uxorio ed assegno postmatrimoniale, confermando l' orientamento della Cassazione (invero di recente in parte di diverso avviso) del 2016 n. 2466.

La stabile e comprovata convivenza fa cessare definitivamente il diritto a percepire l' assegno fissato in sede di divorzio.
Nel caso in esame il Tribunale ha dato il giusto peso alla relazione dell' investigatore privato depositata agli atti e confermata attraverso la sua necessaria comparizione come testimone.
In sede di audizione in qualità di informatore, invero, l' investigatore, non solo confermava tutto quanto descritto nella compiuta indagine investigativa, ma anche, rispondendo puntualmente alle domande del Giudice relatore, forniva ulteriori importanti circostanze in merito alla stabile convivenza dell' ex coniuge con altro uomo.
Ne derivava la perdita del diritto all' assegno e la condanna al pagamento di spese processuali, liquidate nel massimo di tariffa, a carico della resistente "che aveva resistito in giudizio deducendo eccezioni palesemente infondate".


Tags: divorzio assegno convivenza perdita assegno definitiva

Invia un commento