A cura di Laura Genovese
La Corte di Cassazione ha chiarito un importante principio in materia di assegno di mantenimento.
Se il marito migliora la propria condizione economica dopo la sentenza di divorzio, non sempre la moglie ha diritto a ottenere un aumento dell'assegno.

La Corte infatti chiarisce che occorre valutare due diverse ipotesi: se l'incremento dei guadagni dell'uomo dipende da eventi autonomi ed eccezionali rispetto all'attività da questi svolta durante il matrimonio, allora nulla è dovuto alla ex. 
Al contrario, però, se il miglioramento delle condizioni economiche costituisce un naturale e prevedibile sviluppo del lavoro esercitato nel corso del matrimonio, allora la donna ha diritto a un aumento del mantenimento.

Così, Corte di Cassazione sent. n. 5132 del 5.03.2014.


Tags:

Invia un commento